Calcagno: «Protocollo non è immutabile, ma va applicato»

"Bisogna valutare il rischio, c’è la tutela dei nostri calciatori associati. C’è il dispiacere di non aver rilevato il valore ludico dello sport. Abbiamo un forte grado di abbandono in fase adolescenziale dello sport, ad oggi non si possono fare partitelle, non si possono divertire i nostri ragazzi a causa dell’attuale DPCM. C’è grande preoccupazione da parte nostra, oltre che per la salute di tutte le persone che fanno sport". Lo ha detto Umberto Calcagno, presidente Assocalciatori, intervenuto a Radio Punto Nuovo. "Spero che venga utilizzato ancora buon senso e che si possa tornare alla normalità quanto prima, ma dipende dai numeri", ha aggiunto.

"Protocollo? Va applicato. La curva epidemiologica sta aumentando ed il protocollo va meticolosamente osservato per ogni norma comportamentale. Sappiamo che chi pensa di avere certezze in una situazione del genere, si sbaglia, dobbiamo essere pronti ad adattarci. Il protocollo non è immodificabile - ha detto Calcagno - tutti noi siamo pronti a recepire nuove norme da parte del CTS o dalle autorità competenti. Il fatto di essere così tanto controllati sta preservando il nostro mondo rispetto a quanto ci accade intorno".

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ti potrebbe interessare...